Grand Tour

Turismo e itinerari tra valle e monte in Trentino

Ospedaletto Valsugana

Ospedaletto Valsugana

Ospedaletto Valsugana è una piccola località trentina di circa 800 abitanti, che sorge in provincia di Trento tra due monti (il Monte Leffre e il Monte Mezza) che regalano al paese una posizione che lo rende un’attrattiva per i turisti che si recano in Valsugana.

La storia di Ospedaletto Valsugana

Le origini del paese di Ospedaletto Valsugana sembrano essere molto antiche e risalenti al periodo del Medioevo: in base a quanto rinvenuto in documenti dei primi decenni del XXII secolo, Ospedaletto era una località nata per ospitare i viandanti che si recavano al Nord, ed era gestita da ordini religiosi, probabilmente benedettini, che avevano costruito quel luogo per aiutare il prossimo offrendo all’ospite uno spazio per potersi riposare durante il viaggio. Ma, oltre alla storia, vi sono anche delle leggende sulla nascita del piccolo paese trentino. Una di queste narra che Ospedaletto Valsugana ebbe origine anticamente dalla famiglia di un carbonario, e che venne punita da Dio, attraverso un fulmine d’acqua, per la malvagità dell’animo dei suoi discendenti.

Il paese di Ospedaletto Valsugana

Ospedaletto Valsugana è una meta sicura per chi vuole passare qualche giorno lontano dallo stress e dal traffico della città: la sua posizione geografica, tra i due monti in cui nasce ed il verde e i profumi della Valsugana, la rendono la località ideale per trovare quella pace e quella tranquillità che aiuta l’uomo a ritrovare sè stesso. Piccolo paese di circa 800 abitanti, Ospedaletto Valsugana ha un clima piacevole per quasi tutto l’anno anche grazie alla sua vegetazione formata in prevalenza da faggi e da pini che regalano a chi la visita, oltre alla tranquillità del luogo, delle bellissime panoramiche. Non mancano, nel territorio del paese, i luoghi naturali di interesse turistico come il Ponte dell’Orco e la Grotta della Bigonda. Il ponte dell’Orco è un ponte naturale di roccia che si è creato nelle Alpi e che si trova ad un’altezza di circa 600 metri: è costituito da due grandi colonne di roccia e, con i suoi 72 metri di lunghezza, rappresenta uno dei ponti più importanti della catena delle Alpi. La Grotta della Bigonda, da cui si accede dal Comune di Ospedaletto Valsugana, è stata scoperta nel marzo del 1952, è una delle più grandi in Italia, in quanto si sviluppa oltre 30 metri all’interno dell’Altopiano di Asiago. La grotta della Bigonda disposta su tre livelli (al cui interno si sono creati laghi e voragini) costituisce una delle maggiori attrattive turistiche della Valsugana anche se è visitabile solo per il primo metro e durante il periodo invernale , in quanto questo è il meno piovoso dell’anno ed si evita di incorrere nei fenomeni di allagamento a cui la grotta è soggetta durante le pioggie.

Foto: Pier Paolo Sposato – FotoliaSimilar Posts: